Bere 2 litri di acqua al giorno? Forse non è così necessario
Pubblicato il 17 Settembre 2015 nella categoria Bellezza, Benessere, news

Avete già bevuto almeno un litro e mezzo di acqua da stamattina? Si, secondo le regole della buona idratazione dovreste bere almeno due litri e mezzo di acqua ogni giorno (ovvero 8 bicchieri), e non potete fare i furbi includendo nel conteggio tè, caffè e altre bevande. Ma qualcuno non è d’accordo con questa teoria: il pediatra americano Aaron E. Carroll in un articolo sul New York Times sostiene che questa quantità non è obbligatoria, e che non bere così tanta acqua non porta a conseguenze disastrose.

Il dottor Carroll nell’articolo afferma infatti che lo stesso livello di idratazione può essere ottenuto attraverso gli alimenti che contengono acqua, e anche attraverso altre tipologie di bevande. La regola degli 8 bicchieri sembra risalire al 1945, quando uno studio molto prestigioso raccomandò un consumo medio di acqua giornaliero di circa 2,5 litri al giorno. Da allora la quantità di acqua consigliata è cambiata: c’è chi dice un litro e mezzo, chi due, chi uno, ma il problema di fondo è che la maggior parte delle persone ignora la frase successiva che era contenuta nello studio: e cioè che la gran parte di questa quantità d’acqua è già contenuta nel cibo che ingeriamo. Quindi non ci sarebbe bisogno di tenere sempre la bottiglia a portata di mano, soprattutto se si stanno assumendo alimenti in grado di apportare idratazione al nostro organismo.

Come spiega Carroll: «L’acqua è presente nella frutta, nei vegetali, ma anche nei succhi, nella birra, nel tè e nel caffè. E prima che chiunque obbietti che il caffè disidrata: le ricerche mostrano che non è vero nemmeno questo».

La verità è che bere acqua fa bene, ma il livello necessario è diverso per ogni organismo, quindi non dobbiamo necessariamente seguire tutti lo stesso standard, ma dobbiamo accordare le buone regole con la nostra dieta e il nostro stile di vita.

Tag:

Commenti inseriti

Aggiungi un commento